Bullismo e violenza a scuola: l’istituto è responsabile anche all’esterno

Si susseguono sempre più spesso casi di bullismo scolastico nei confronti di studenti o professori.

Per la prima volta un tribunale ha ritenuto corresponsabile l’istituto scolastico, tecnicamente il Ministero dell’Istruzione, per un pestaggio compiuto al di fuori dell’edificio.

 

Il fatto di cronaca a Viterbo

Per mesi uno studente ha dovuto subito insulti, minacce ed angherie durante l’orario scolastico da parte di un compagno di classe, il quale è arrivato al punto di picchiarlo fino a costringerlo ad un ricovero ospedaliero.

 

La culpa in vigilando

Secondo il Tribunale, la situazione, protrattasi per lungo tempo, è stata sottovalutata dal personale scolastico, pienamente cosciente degli atti di bullismo, al punto da rilevarsi una “culpa in vigilando”, manifestatasi nel non aver fatto nulla per impedire la prosecuzione e l’escalation di vessazioni.

 

Il risarcimento danni

Il Ministero dell’Istruzione è stato così condannato in solido con i genitori del bullo ad un risarcimento danni di 12.000 euro, nonostante il pestaggio finale fosse avvenuto all’esterno della scuola. Toccherà al Ministero valutare se rivalersi su preside e professori davanti alla Corte dei Conti.

Avv. Edoardo Tamagnone

L'Avv. Edoardo Tamagnone è specializzato in Scienze Internazionali e Diplomatiche e ha conseguito il Master in Diritto Tributario. E' esperto nel campo della pianificazione patrimoniale e della fiscalità internazionale. Si occupa prevalentemente di questioni societarie e controversie in materia di diritto tributario. Il suo campo di attività è la gestione dei patrimoni esteri e l’assistenza nell’ambito delle successioni e del passaggio generazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *